“…Come comincia una poesia”

Spettacolo-LIMITIMercoledì 17 giugno, alle 15, presso la Casa Circondariale di Benevento, andrà in scena “…Come comincia una poesia”, spettacolo finale del laboratorio teatrale attualmente in essere all’interno della stessa struttura penitenziaria. Così le note di regia: “ Come comincia una poesia in un carcere? Può nascere una poesia in un carcere? O in un carcere una poesia può solo morire?

Istruzioni per l’uso del migliore dei mondi possibili: 1) immaginare uno spettacolo con scene, personaggi, storie ispirate al teatro di Viviani e alle sue suggestioni più forti, alle emozioni più veraci, al linguaggio più musicale che si possa immaginare 2) contaminare il profano con il sacro di una processione di penitenti ispirati, spiritati, tarantolati … così finti da sembrare veri 3) immaginare che tutto questo, la rappresentazione degli ultimi, dei reietti, degli emarginati, non sia una cosa seria o non troppo seria o tragica al punto da risultare visionaria come un film di Fellini o una musica di Nino Rota ….”.