Archivio Autore

Concorso Mulino dei Piccoli

Adesso-tocca-a-te!-Scrivi-la-tua-fiabaAdesso tocca a te! Scrivi la tua fiaba!”

13 marzo / 30 aprile 2016.

Al Mulino dei Piccoli parte la I edizione del Concorso “Adesso tocca a te! Scrivi la tua fiaba!”

E’ arrivato il momento di scrivere la fiaba dei tuoi sogni!

Inventa una fiaba tutta tua, originale e matta e portala al Mulino dei Piccoli.

Estate al Mulino del Cinema

Estate al Mulino del CinemaCom’era l’estate del ’43? E quella del ’62? A raccontarvelo, quattro film ambientati nell’estate italiana.

22 luglio Il sorpasso (Dino Risi, 1962) 23 luglio La spiaggia (Alberto Lattuada, 1954)

29 luglio Estate violenta (Valerio Zurlini, 1959) 30 luglio Domenica d’agosto (Luciano Emmer, 1949)

Le proiezioni si svolgeranno nel Giardino del Mulino Pacifico e saranno precedute da un aperitivo a sorpresa (biglietto unico 5,00 euro)

Asinus Pasquali

Asinus_PasqualiVenerdì 26 giugno ore 20.30

Mulino Pacifico

Teatrostudio Scuola di Recitazione della Città di Benevento

presenta

Asinus Pasquali

con: Annachiara Benedetto, Giovanni Cannata, Antonella Diglio, Benedetta Iele, Marco Orlando, Marta Procaccini, Martina Puzo, Benedetta Russo, Mariagrazia Sorrentino, Enrico Torzillo, Carlotta Verdile

Regia di Rosario Giglio e Massimo Pagano

Lo spettacolo di fine anno di Teatro Studio cade a ridosso quest’ anno dell’esame di maturità ….nell’aria risuonano aforismi di Calvino, versi di Ungaretti e fra le nuvole è possibile scorgere persino qualche formula matematica. Ed è naturale dunque nella stagione delle arene estive, del latino e del teatro di qualità che il pensiero corra naturalmente a Plauto ed in particolare al suo capolavoro, quel Miles che milioni di legioni di spettatori ammaliò in ogni tempo e ad ogni latitudine ; la più celebre delle commedie plautine, la più rappresentata a teatro, la più imitata, la più tradotta; non solo perché divertente dal principio alla fine ma anche per la tipicità dei temi che contiene: il servo scaltro e truffaldino, il prepotente borioso, lo scambio di persone, lo sbeffeggiamento finale, il corteggiamento da parte degli amici….ognuno dei quali aprirà, nei millenni che seguiranno, infinite variazioni, rielaborazioni, imitazioni. Il Miles gloriosus di Plauto è un archetipo, è il padre-ispiratore di migliaia e migliaia di ore di spettacolo, di satira, di divertimento, e dilaterà a dismisura la sua influenza ispiratrice tanto più nel nostro secolo ventesimo, il secolo dello spettacolo per eccellenza, del cinema e della TV. Un esempio fra tanti, senza scomodare Falstaff: il Gassman de I soliti ignoti, de La grande guerra, de L’armata Brancaleone, i capolavori del cinema di Monicelli, avrebbe potuto esistere se non fosse esistito, duecento anni prima di Cristo, quello smargiasso di Pirgopolinice o quel tonto di Sceledro?

Ci hanno provato in tanti da Cicerone a Pasolini e ci proveranno i giovani attori di Teatro Studio a “giocare” nel senso teatrale del termine con il componimento di Plauto che del nostro teatro rappresenta il simbolo delle origini. Buon divertimento a tutti

Organizzazione generale Michelangelo Fetto e Antonio Intorcia, segreteria Riccardo Intorcia, documentazione fotografica Vincenzo Fucci

Biglietteria dalle 18.00 dei giorni di spettacolo. Biglietto unico €. 4,00

Per informazioni: 082447037 – info@solot.it – www.solot.it

Spettacolo-LIMITI

“…Come comincia una poesia”

Spettacolo-LIMITIMercoledì 17 giugno, alle 15, presso la Casa Circondariale di Benevento, andrà in scena “…Come comincia una poesia”, spettacolo finale del laboratorio teatrale attualmente in essere all’interno della stessa struttura penitenziaria. Così le note di regia: “ Come comincia una poesia in un carcere? Può nascere una poesia in un carcere? O in un carcere una poesia può solo morire?

Istruzioni per l’uso del migliore dei mondi possibili: 1) immaginare uno spettacolo con scene, personaggi, storie ispirate al teatro di Viviani e alle sue suggestioni più forti, alle emozioni più veraci, al linguaggio più musicale che si possa immaginare 2) contaminare il profano con il sacro di una processione di penitenti ispirati, spiritati, tarantolati … così finti da sembrare veri 3) immaginare che tutto questo, la rappresentazione degli ultimi, dei reietti, degli emarginati, non sia una cosa seria o non troppo seria o tragica al punto da risultare visionaria come un film di Fellini o una musica di Nino Rota ….”.

Social-Media-Week

Social Media Week Roma

SMW

L’11 giugno, nell’ambito della Social Media Week verrà presentata la piattaforma web SenzaCravatta, nella quale sarà possibile osservare il percorso di ogni detenuto, degli operatori teatrali coinvolti e seguire gli sviluppi di tutte le iniziative, anche collaterali, caratterizzanti il progetto “Limiti”, attraverso una narrazione collettiva e condivisa.

11 giugno 2015 – Link University, via Nomentana 335, Roma

SOCIAL MEDIA THEATRE & STORYTELLING

All’interno del panorama culturale italiano, il sistema teatro soffre oggi di un eccessivo distacco dalla società. Occorre, dunque, trovare un tessuto connettivo per cui esso torni ad essere un bisogno culturale e sociale primario, facendo sì che diventi immediato, efficace e condiviso. Lo storytelling, attraverso il supporto dei social media, può rappresentare un’efficace risposta a questa problematica. Esso, infatti, da un lato consente di creare narrazioni collettive e condivise, e dall’altro rappresenta una possibilità per chi lavora nel mondo dello spettacolo di raccontare e condividere le proprie esperienze lavorative prima, durante e dopo la performance.

Verrà presentato il corso di Social Media Storytelling del progetto “Le mille e una notte” e la piattaforma web “Senzacravatta”.

Scopri di più

locandina_Link